Casa dell´ Arte
Casa dell´ Arte

 

 

 

Marlene H o r n

 

 

Pittrice su vetro retroverso

.

Fiabe di vetro

 

 

 

C' è sempre un luogo, fantastico o della memoria, a cui la nostra mente

ritorna con stupore infantile: è la regione dell’armonia, dei paesaggi ideali,

i cieli limpidi e dei colori pieni.


Le opere dipinte di Marlene Horn riescono ad accompagnarci in questo

altrove con gioiosa cadenza, mostrandoci giardini, paesaggi, città e scene

fiabesche con il nitore che appartiene al mondo dell'immaginazione pura e

felice.
 

Certamente Marlene non coltiva l'idea di una realtà utopica, ma il desiderio

di elargire delle immagini cariche di magia, di esperienza, di memoria,

poiché lei sa far vedere le cose e la loro essenza figurata da un'angolazione

personale, affabulatoria.


Quando l'artista dipinge le sue lastre di vetro (superficie che diventa tale

solo nel momento in cui il colore la priva, anche se non totalmente, della

sua trasparenza e quindi dei suo carattere di diaframma tra l'lo e la realtà)

è come se dipingesse l'aria o i sogni della prima notte che ci accompagnano

nel sonno profondo, e ciò senza seguire una teoria, ma valendosi di una

speciale simbiosi con la poesia: il contenuto è un'equivalenza fra visto e

percepito.


 

Monaco, Firenze, Venezia, le ville medicee, tutto è raffigurato con una

levità che priva i luoghi dei suoi connotati geografici e li colloca in una

dimensione straniata, immaginifica.


Marlene Horn va al di là dei vero usando strumenti di artigiano,

adoperando la tecnica pittorica che meglio conosce, ma facendo capire che

al di sopra, oltre i suoi risultati, le sue risorse, c´è l'ansia di cogliere

qualcosa di magico e di indicibile con le parole, che somigli almeno al

luogo in cui la poesia non dispera di esistere.

 

 

In un libro di Hermann Hesse si trova una giusta definizione che potrebbe

essere offerta a Marlene:

 


 

"La capacità di vedere porto con sé serenità, amore, poesia.

Chi, per la prima volta, coglie un fiore per tenerlo con sé al lavoro,

ha fatto un piccolo passo verso il piacere di vivere."

 

 

In questo senso le fiabe dipinte di Marlene, i suoi paesaggi oltrepassano la

necessità espressiva e perfino il traguardo artistico, ma si configurano

come una discreta dichiarazione di appartenenza alla variopinta

fenomenologia della natura.


Giungere all’essenzialità descrittiva di uno sguardo innocente non è stata

una depurazione o una raffinazione di significati, ma una levitazione di

quanto già c'era nel suo progetto narrativo, espressivo, di contenuto e di

trasfigurazione lirica.


Quanto Marlene Horn va dipingendo in questi anni che tengono la

distrazione come cultura generale, ci appare un'oasi di gentilezza con tale

percezione di poesia da farci apprezzare le sue opere come immagini da

riporre tra molto intimi piaceri, alimentando quella vita che è la sola a

scamparci dalla realtà.

 


 

Firenze, settembre 1998             Nicola Nuti

 

Hier finden Sie mich

Kontakt

Marlene und  Rolf Horn
Via delle Piastrelle, 814
I - 51015 Monsummano Terme / Toskana

Um mit uns Kontakt aufzunehmen:

Schreiben Sie uns eine Mail:

 

Casadellarte.de@gmail.com

Druckversion Druckversion | Sitemap
© Casadellarte